Orsi

image002.jpg

 

Il diavolo custode

 

Per ultimi arrivarono due che si assomigliavano molto. Pensai che dovevano essere fratelli e non mi sbagliavo. Erano sui quaranta, tutti e due alti e ben piantati, con una barba scura e pochi capelli in testa. Avevano l’aria simpatica e mi piacque il modo in cui tennero testa al sovrintendente che li rimproverava per essere giunti tardi (in realtà tardi non era, perché il carro che doveva portarci non era ancora arrivato, come gli fecero notare).

image040.jpg

image033.jpg

 

 

image033.jpg

 

 

…un orso di prima classe, come quelli che Felice passa le ore a guardare su Internet, tra Orsiitaliani, Furrific, HairyHunter, HairySurfer e così via, quando i suoi non girano nei dintorni. Uno di quelli che gli tengono compagnia quando fa sesso con qualcuno che conosce fin dalla nascita (altra attività sessuale Felice non ha avuto modo di svolgere fino a ora, con suo grande rincrescimento).

 

Il grizzly

image011.jpg

image010.jpg

image010.jpg

Lo osservo con cura. L’ho già visto, ma lo osservo come se fosse la prima volta. È una gran bella vista.

Qualcuno l’ha definito un armadio con specchiera. E la struttura fisica dell’ispettore è in effetti imponente: io sono alto un metro e ottanta, ma lui mi supera di quattro dita. Ha un collo taurino, due spalle da giocatore di rugby, braccia nerborute e gambe che paiono tronchi d’albero. Ha il ventre prominente dei bevitori di birra e su quel ventre batte il cazzo più grosso che io abbia mai visto, e dire che non mi manca una certa esperienza. È un palo, perfettamente teso, una grossa vena in rilievo che lo percorre di lato, la cappella che svetta. Alla base, due coglioni grandi come arance, avvolti da una peluria scura, come quasi tutto il corpo: il torace, il ventre, le braccia, le gambe sono coperte da un velo nero, che nel basso ventre diviene una vera foresta. Anche il viso è coperto da una fitta barba nera, che però l’ispettore Maldini porta corta, come i capelli. Non ha una bella faccia: i lineamenti sono duri, il naso aquilino. Ma quei tratti forti si accordano con quel corpo robusto e virile. Non ti aspetteresti un altro viso sopra quel corpo.

L’uomo doveva essere sui quaranta-cinquanta, forse più cinquanta che quaranta, tarchiato, con barba grigia e capelli corti. Non era niente male, con quella faccia da duro e quel corpo vigoroso. Herman sentì un brivido lungo la schiena. Era esattamente il tipo d’uomo che gli piaceva. Quello capace di spaccarti la faccia se non gli vai a genio e di spaccarti il culo se gli piaci.

 

image006.jpg

 

 

Mi piace Pete, molto. È il mio tipo d’uomo: forte, alto, deciso, franco, un po’ selvaggio; incute un certo timore. Anche lui è tatuato come i motociclisti dell’altra sera.

image001.jpg

image003.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                   

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Area aperta

Storie

Gallerie

Indice